Iscriviti subito!

Corso di Strumento

7 - 12 anni

Quasi quasi… faccio il musicista!

Frequenza da un’ora a un’ora e mezza la settimana.

Fascia oraria dalle 17:00 alle 20:00.

La proposta formativa
Gli anni della scuola elementare sono un periodo di formazione fondamentale, in cui la musica è una tappa importante per lo sviluppo del pensiero creativo. L’attività didattica di é Musica Nuova rivolta ai bambini privilegia la formazione del senso artistico prima ancora della lettura musicale e delle conoscenze teoriche.
Lo studio individuale della tecnica basilare dello strumento, la musica d’insieme e le attività corali, sono per é Musica Nuova i punti di partenza utili allo sviluppo della sensibilità artistica necessaria per ascoltare e “fare” musica.
L’evoluzione del percorso sarà coronato dalla possibilità unica di entrare a far parte della Baby Orchestra.

Lo studio a casa - La musica come “buona abitudine”
Determinante per l’apprendimento tecnico, il “saper fare”, è il lavoro a casa, poiché lo scopo della lezione col maestro non è studiare ma progredire.
Per i primi approcci allo strumento venti minuti di studio giornaliero sono più che sufficienti. Ciò che conta è la costanza e la qualità dello studio. Come per ogni altra disciplina anche per la musica un “allenamento” quotidiano e continuativo è garanzia di progresso e risultati gratificanti.

Il ruolo della famiglia
Proprio per la costanza di cui necessita, lo studio della musica è un esercizio di autodisciplina.
Se per un adulto non è semplice dedicarsi con costanza quotidiana ad una attività, per un bambino è senz'altro più difficile. Educare all’abitudine e all’esercizio è importante.
Scegliere insieme al bambino il momento della giornata da dedicare allo studio, allestire insieme un angolo della casa dedicato alla musica con un leggio, uno spartito aperto, lo strumento sempre a portata di mano, sono tutte strategie necessarie affinché la musica diventi anche un gioco quotidiano da esplorare.
Spesso se l’allievo non inizia lo studio di propria iniziativa non è un indice di scarso interesse, ma semplice mancanza di abitudine.

Portato o non portato per la musica? Un mito da sfatare.
Nessuno nasce stonato, nessuno nasce musicista.
Non c’è dubbio che per ragioni diverse, nella maggior parte dei casi non si è destinati a diventare concertisti. Ma non è questo lo scopo di studiare musica.
Poter scoprire e coltivare la proprie passioni con impegno, serietà e disciplina, è un privilegio che tutti dovrebbero regalarsi. Imparare con autentica dedizione è sempre un investimento fruttuoso.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto l'informativa ai sensi del D.Lgs. 196/2003

Iscrivendoti alla newsletter autorizzi al trattamento dei dati personali secondo il D.lgs 196/2003